C’era una svolta

C’era una svolta

Il libro a cui ho deciso di dedicare il post di oggi – sabato, non a caso-, rientra in un progetto talmente genuino che mi ha sinceramente colpita fin da subito. Sto parlando di Quelli del Sabato, un gruppo di volontariato nato a Bellinzago Novarese nel 1992, “che decide di creare occasioni di incontro e divertimento per ragazzi diversamente abili del territorio”.

A volte le cose più belle sono quelle nate dalle cose semplici e dalla spontaneità di chi in un progetto s’impegna davvero: così vedo io “C’era una Svolta“, il libro creato grazie all’immaginazione di diciotto ragazzi dell’associazione insieme ad altrettanti scrittori professionisti che li hanno aiutati a canalizzare la loro fantasia.

C'era una svolta, di Quelli del Sabato

Una S. Una sola lettera è la chiave del cambiamento, della rielaborazione, dell’arricchimento di diciotto favole, quelle che tutti noi conosciamo e che qui troviamo in una veste diversa. Così il tradizionale C’era una volta cambia volto, si arricchisce di una consonante in più che al suo interno racchiude mondi ed idee che vale la pena raccontare. Diversità, segno ancora una volta di ricchezza, mai banale, ricca d’ironia e gioiosità, che riflette a pieno lo spirito dei volontari e dei ragazzi.

Tutte le favole sono accompagnate dai coloratissimi disegni di Hikimi, un talentuoso artista che ho conosciuto grazie a questo libro, capace di riassumere in tratti puliti le narrazioni.

Le mie favole preferite sono diverse e per svariati motivi. La principessa sul pisello è forse quella che più mi ha divertita(insieme a Biancaneve o meglio Bianca La Neve), una rivisitazione moderna e così sincera che è impossibile non ridere; La piccola fiammiferaia con il suo bel finale; La bella addormentata, con la principessa vegetariana esposta in una teca nella macelleria(sì, avete letto bene!) dalla perfida zia; Il gatto con gli stivali per cui ho sempre avuto un debole e che anche qui rende impossibile non simpatizzare per il furbo gatto.

 

Tornare bambini oppure infondo non aver mai smesso di esserlo?

Originale, fresco, divertente. In conclusione sono questi gli aggettivi che mi vengono in mente per racchiudere non solo “C’era una svolta” ma tutto il progetto di Quelli del Sabato, un’associazione piena d’idee e il cui entusiasmo traspare pagina dopo pagina e che ringrazio ancora per questa magica opportunità.

Sabrina Turturro
sabrina.turturro@gmail.com

Sabrina Turturro | Bookish person. Photography and movie enthusiast. Art, travel and tv shows addicted. A dreamer. Instagram, Snapchat, Facebook: nebuladaphne nebuladaphne@gmail.com

1Comment
  • Antonia
    Posted at 16:20h, 20 marzo Rispondi

    Grazie per la presentazione. Complimenti ragazzi❣

La tua opinione

Translate »