Giardino d’inverno

Giardino d'inverno

Giardino d’inverno

Giardino d’inverno

“Giardino d’inverno”, graphic novel sceneggiato da Renaud Dillies con colori e disegni di Grazia La Padula(la quale aveva già dato forma alle idee di Tony Sandoval in una sua opera, Echi Invisibili), colpisce proprio grazie a questi ultimi già dalla prima pagina.

giardino d'inverno

Fin da subito, prima che nella monotona vita del protagonista Sam – barman in un jazz club – veniamo gettati nella sua triste città piovosa, resa fangosa dai toni sul grigio e marrone utilizzati quasi in tutte le tavole e che rendono benissimo quel senso di isolamento e alienazione che è al centro della storia.

giardino d'inverno

Sam è un protagonista solo, ingabbiato nella solita routine: vive in un appartamento squallido in un condominio che lo è forse ancora di più, abitato da gente strana e/o poco raccomandabile. giardino d'inverno

Da queste bieche giornate riesce ad evadere solamente quando è in compagnia della sua fidanzata, una balleria bellissima. Questo stacco è reso ancora una volta visivamente dall’uso di linee più morbide, colori più accesi, vivi – il rosso tra tutti – che fanno balzare all’occhio del lettore l’immediato cambio di cornice.giardino d'inverno

È una storia triste, che si esaurisce in fretta – l’unica pecca che ho trovato, l’avrei preferita di più ampio respiro per poter meglio apprezzare l’introspezione dei personaggi – ma nonostante la patina di malinconia che si avverte in ogni tavola, la fine è così dolce e piena di luce da far vedere tutto in chiave diversa: Sam si lascerà andare ai sentimenti, complice un incontro nato da una goccia d’acqua dal soffitto – anche in questo caso gocce di pioggia fuori e dentro, in uno scambio significativo – cambiando per sempre il suo modo di vivere la vita.

Giardino d’inverno è una lettura perfetta da leggere ma sopratutto apprezzare con gli occhi, in queste giornate che si fanno via via più autunnali, proprio come il cielo sopra Sam.

 

Giardino d'inverno

Autori: Grazia La Padula Renaud Dillies

Casa Editrice: Tunué, collana Prospero’s Books Extra

Formato: 19,5×27; 64 pp a colori; cartonato

Prezzo: 14,90(omaggio c.e) Link diretto all’acquisto qui

 

Sabrina Turturro
sabrina.turturro@gmail.com

Sabrina Turturro | Bookish person. Photography and movie enthusiast. Art, travel and tv shows addicted. A dreamer. Instagram, Snapchat, Facebook: nebuladaphne nebuladaphne@gmail.com

2 Comments
  • Alessia Pellegrini
    Posted at 17:29h, 20 novembre Rispondi

    Questa lettura mi incuriosisce molto, anche per le illustrazioni davvero suggestive! La tua recensione mi ha messo curiosità di procurarmi il libro! 🙂 Sono giunta sul blog tramite Instagram, ma credo proprio che tornerò a rileggerti… Ciao ciao 🙂

    • Sabrina Turturro
      Posted at 16:21h, 21 novembre Rispondi

      Ciao Alessia, grazie! La graphic novel merita davvero, anche solo per i disegni.
      Se vuoi scorrendo la home troverai il form per iscriverti e rimanere sempre aggiornata. Ho fatto un salto sul tuo sito e da quello che vedo stiamo facendo percorsi molto simili;)
      Alla prossima!

La tua opinione

Translate »