A proposito di Wislawa Szymborska

A proposito di Wislawa Szymborska

Ad alcuni –

cioè non a tutti.

E neppure alla maggioranza, ma alla minoranza.

Senza contare le scuole, dov’è un obbligo,

e i poeti stessi,

ce ne saranno forse due su mille.

Piace –

ma piace anche la pasta in brodo,

piacciono i complimenti e il colore azzurro,

piace una vecchia sciarpa,

piace averla vinta,

piace accarezzare un cane.

La poesia –

ma cos’è mai la poesia?

Più d’una risposta incerta

è stata già data in proposito.

Ma io non lo so, non lo so e mi aggrappo a questo

come all’àncora d’un corrimano.

 

Così comincia una delle poesie più ironiche e famose contenute in questo volume, edito da Adelphi(link qui), intitolato “La gioia di scrivere” della poetessa Wislawa Szymborska.

Chi?

È questa la domanda che la maggior parte delle persone pone -o si pone, subito dopo aver letto o sentito questo nome -pronunciato alla bell’e meglio almeno da me, non mastico benissimo il polacco.

 

Wislawa Szymborska è stata una poetessa polacca nata nel 1923, vincitrice del Premio Nobel per la letteratura nel 1996. Nonostante la sua fama internazionale, mi sono accorta di recente che solo in pochi la conoscono ed ecco il perché di questo articolo-elegia: dedicarle un piccolo, meritato spazio.

Le poesie della Szymborska ti entrano sottopelle e lì rimangono, placide e rassicuranti.

L’anima la si ha ogni tanto.

Nessuno la ha di continuo

e per sempre.

Giorno dopo giorno,

anno dopo anno

possono passare senza di lei.

A volte

nidifica un po’ più a lungo

solo in estasi e paure dell’infanzia.

A volte solo nello stupore

dell’essere vecchi.

Di rado ci dà una mano

in occupazioni faticose,

come spostare mobili,

portare valigie

o percorrere le strade con scarpe strette.

 

[…] Possiamo contare su di lei

quando non siamo sicuri di niente

e curiosi di tutto.

 

A chi piace la poesia? Ma sopratutto, chi legge davvero poesie? Per come la vedo io, una raccolta di poesie dovrebbe sempre essere presente sul comodino. Una poesia ogni tanto, quando ci va, quando si ha bisogno di un conforto diverso da quello che può offrire la prosa. Placebo poetico: ho trovato spesso nei versi di questa poetessa il mio.

Processed with VSCO with lv01 preset

Il suo è uno stile semplice, caratterizzato dal verso libero. Fa uso di alcuni espedienti retorici non troppo elaborati quali il paradosso, l’ironia tagliente, la litòte: pochi, incisivi, decisi.

La maestria con la quale Szymborska si muove tra le parole rende i suoi versi unici. E’ impossibile non rimanere colpiti dalle sue schiette affermazioni perché nella semplicità trovano il loro potere: il potere di arrivare a smuovere i sentimenti, come ogni poesia si augura di fare, con ironia o malinconia, spesso intrecciate tra loro.

img_5748

Nel libriccino in foto, “La prima frase è sempre la più difficile” edito da Terredimezzo(link qui), la poetessa si racconta. È riportato il discorso tenuto in occasione della cerimonia di conferimento del Nobel nonché un’intervista di Dean E. Murphy che ho trovato illuminante, specie sulla controversa questione politica che la vide legata al Comunismo. A parte questo aspetto, la Szymborska si sofferma sul concetto d’ispirazione, una bestia nera che incute timore in ogni scrittore, poeta o artista. Credo che si possa riassumere così la sua opinione:

Qualunque cosa sia l’ispirazione, nasce da un continuo “non lo so”.

Consiglio questo piccolo libro perché, lasciando la parola alla Szymborska stessa, permette di cogliere alcune delle magnetiche sfaccettature della sua personalità.

Ricordo che uno dei primi versi letti di Wislawa Szymborska mi rimase così impresso da indurmi a scriverlo senza ritegno su quaderni e Moleskine. Il primo per me, l’ultimo di questo post, il modo migliore per chiuderlo.

 

Ascolta come mi batte forte il tuo cuore.

 

 

 

 

 

Sabrina Turturro
sabrina.turturro@gmail.com

Sabrina Turturro | Bookish person. Photography and movie enthusiast. Art, travel and tv shows addicted. A dreamer.
Instagram, Snapchat, Facebook: nebuladaphne
nebuladaphne@gmail.com

6 Comments
  • Angelica | Habanero
    Posted at 18:31h, 01 ottobre Rispondi

    Da piccolina leggevo e scrivevo tante poesie, la maestra mi chiamava “la piccola poetessa”…Da grande questa cosa è andata scemando, e mi rendo conto che è un vero peccato, in compenso metto “poesia” in tutto quello che mi piace fare.
    Interessante questo libro, darò un’occhiata in libreria, grazie per averlo condiviso.

    • Sabrina Turturro
      Posted at 13:13h, 02 ottobre Rispondi

      Mettere poesia in tutto quello che si fa, un pensiero bellissimo.
      Io invece ho cominciato a scrivere poesie solo negli ultimi anni, in passato mi sono dedicata sempre e solo alla prosa.
      Grazie mille per il commento e buona lettura, ne vale la pena!

  • Duille
    Posted at 01:00h, 02 ottobre Rispondi

    Ho trovato il tuo post molto calzante, descrivi alla perfezione la poesia della Szymborska: ironica, struggente, semplice ma che arriva dritta all’anima. Io l’ho conosciuta per caso e me ne sono innamorata alla follia! La prima poesia che avevo letto è stata “il cielo” e, come te, ho sentito subito il bisogno di inciderla un po’ ovunque. L’ho addirittura imparata a memoria! Il passo successivo è stata comprare la raccolta di poesie che hai recensito e che mi sta dando davvero tante, tante soddisfazioni!!! Complimenti ancora per la tua recensione/presentazione di questa autrice davvero troppo poco nota!

    • Sabrina Turturro
      Posted at 13:20h, 02 ottobre Rispondi

      Sono andata a leggere la poesia che hai citato tu e wow, stupenda anche quella. Questa raccolta è una scoperta continua, una magia dietro l’altra sul serio.
      Grazie mille per il commento, buona lettura a noi!

  • elleconzero
    Posted at 12:10h, 03 novembre Rispondi

    Conosco “di vista” un libro di Benedetta Tobagi, Come mi batte forte il tuo cuore, ma non avevo colto la citazione.
    Ho conosciuto la Szymborska tramite Antonio Tabucchi, che citava la poesia Torture all’interno del suo Viaggi e altri viaggi: attualmente resta la mia preferita tra quelle che conosco.
    Non ho mai amato particolarmente la poesia, ma ultimamente questa cosa sta cambiando.

    • Sabrina Turturro
      Posted at 12:13h, 12 novembre Rispondi

      La Szymborska ha la capacità di riuscire a far amare le sue poesie con la stessa facilità della prosa. Sono contenta che stia cambiando, allora.
      🙂

La tua opinione

Translate »